home


IL SISTEMA DUALE
18-07-2017
 IL SISTEMA DUALE

Per incidere sugli alti tassi di disoccupazione giovanile nel medio-lungo periodo, le riforme del mercato del lavoro e della scuola hanno introdotto in Italia il “Sistema duale”: un modello formativo integrato tra scuola e lavoro. Rispetto ai precedenti strumenti volti a consentire ai giovani di compiere esperienze in azienda sotto forma di brevi stage o tirocini estivi, l’obiettivo è di creare un rapporto continuativo e organico tra mondi che, fino ad oggi, si sono parlati poco: il sistema dell’istruzione, quello della formazione professionale e il mercato del lavoro. Per promuovere un modello che vede nelle imprese soggetti attivi nell’ambito dell’istruzione e formazione, il Jobs Act e La buona scuola hanno portato a una profonda revisione di strumenti contrattuali quali l’apprendistato e reso strutturali esperienze come l’alternanza scuola-lavoro

 

 

Gli strumenti con cui opera il sistema duale in Italia sono:

 

1)    L’Istruzione Formazione Professionale ( IeFP)

In           Italia L’Istruzione è obbligatoria fino ai 16 anni e si completa con il “ diritto – dovere” all’Istruzione e  alla formazione” finalizzato a conseguire un titolo di studio di istruzione secondaria superiore o una qualifica professionale di durata almeno triennale entro i 18 anni ; il diritto – dovere puo’ essere assolto nell’istruzione secondaria superiore ( licei, istituti professionale e tecnici) o nei percorsi professionali, svolti presso i centri di formazione professionali accreditati dalle Regioni. I corsi possono essere trienali per la qualifica professionale o quadriennali per il diploma;

2)    Alternanza scuola – lavoro

E’  una metodologia didattica introdotta nel sistema educativo con il Decreto Buona scuola ( L. N. 107/2015) che l’ha resa obbligatoria in ogni istituzione formativa e tipologia di percorso; l’obiettivo è quello di arricchire i percorsi scolastici con competenze spendibili nel mercato del lavoro.

3)    Impresa Formativa simulata

È una delle modalità di realizzazione dell’alternanza – scuola lavoro attuata mediante la costituzione di un azienda virtuale animata dagli studenti.

4)    Apprendistato Primo livello

In generale l’apprendistato è considerato la forma privilegiata per l’inserimento dei giovani nel mondo del lavoro. Nello specifico consente, da un lato, il conseguimento di un titolo di studio e, dall’altro di maturare un esperienza professionale diretta. La riforma operata dal Jobs Act ( D.lgs n. 81/2015) prevede che i ragazzi dai 15 ai 25 anni possano conseguire qualsiasi titolo di studio di livello secondario superiore comprese qualifiche e diplomi di IeFP, attraverso l’apprendistato.  La formazione ha una durata di 990 ore di cui (formazione esterna max 60%, formazione interna circa 550 ore) L’apprendistato deve avere una durata minima di 6 mesi e una durata massima di 3 anni e che si estende a 4 anni per il conseguimento del diploma professionale.

 

La regione Liguria ha introdotto nella propria offerta formativa percorsi specifici per la realizzazione del contratto di apprendistato di primo livello (con delibera di giunta n.728/2016)

 

Il costo per le ore di formazione è pari al 10% della retribuzione oraria per la formazione interna svolta quindi in azienda e non è retribuita per le ore di formazione esterna svolta, quindi, presso il centro di formazione accreditato.

 

Per le assunzioni avvenute entro il 31 dicembre 2017 l’aliquota contributiva a carico azienda e del 5%

In caso di successiva trasformazione al termine dell’apprendistato in contratto a tempo indeterminato ancora per 12 mesi si potrà usufruire dell’aliquota ridotta ma pari al 10% e non più al 5%

Inoltre sempre per le assunzioni con contratto di apprendistato primo livello effettuate entro il 31 dicembre 2017 non sarà dovuto per le aziende il contributo di licenziamento e il pagamento della Naspi è ridotto al 1,31 %

 

 Infine sono previsti i seguenti BONUS:

·         Esonero contributivo al 100% fino ad un tetto max di euro 3250 su base annua per 36mesi nel caso l’impresa assuma giovani che abbiamo effettuato presso il medesimo datore periodi di apprendistato o esperienze di alternanza scuola-lavoro pari almeno al 30% delle ore previste nel proprio percorso.

·         Contributo di euro 3mila ad apprendista per tutoraggio aziendale, i contratti di apprendistato primo livello devono essere stati avviati a partire dal 01 gennaio 2016

·         Contributo di euro 500 per studente per tutoraggio aziendale, nel caso di alternanza scuola /lavoro

 

Scadenza del bando 29 dicembre 2017

 

Scarica il documento completo LINK
http://

Ascom Confcommercio - Codice Fiscale 80017390107  -  Informativa sui cookie